Decarbonizzazione: cos'è e come funziona

Quando si parla di transizione ecologica si ricorre spesso al termine “decarbonizzazione”.
Con quest'ultimo intende il processo volto a ridurre la quantità nell’atmosfera di anidride carbonica, gas essenziale ma al tempo stesso dannoso quando supera un certo livello di concentrazione.
La decarbonizzazione è pertanto legata all’abbattimento delle emissioni nocive derivanti dall’utilizzo di energia prodotta da combustibili fossili quali carbone, gas e petrolio.

La strategia a oggi globalmente condivisa per procedere verso un’economia decarbonizzata prevede la sostituzione dei combustibili fossili attraverso l’implementazione delle fonti rinnovabili, come l’energia solare o eolica e le biomasse, con l’obiettivo di raggiungere la neutralità carbonica o “emissioni zero”.

Con l’ultima Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26), tenutasi lo scorso 13 novembre, è stato raggiunto un accordo, noto come Patto per il clima di Glasgow. Tra i vari obiettivi, la riduzione delle emissioni nel 2022 per fermare a 1,5 gradi l’innalzamento delle temperature e l’abbandono graduale dei sussidi fossili, attraverso l’obbligo di riduzione di quest’ultimi.

Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
pitagora@studiopitagora.net