Qualifica FER: novità per le imprese e obblighi normativi

Dal 1 gennaio 2022, ai sensi del D.Lgs. 28/11, art. 17 comma 7 (come modificato dal D.L. 77/21), è diventato obbligatorio includere la qualifica FER all’interno della visura camerale delle imprese che installano impianti alimentati da energie rinnovabili.

Si ricorda a tal proposito che la qualifica FER (Fonti Energie Rinnovabili) è obbligatoria per tutti i Responsabili Tecnici delle Imprese Impiantistiche abilitate ai sensi del DM 37/08 che si occupano di installazione e manutenzione d’impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili quali caldaie, caminetti e stufe a biomassa, sistemi solari fotovoltaici e termici sugli edifici, sistemi geotermici a bassa entalpia e pompe di calore.

La qualifica FER è automatica se i responsabili tecnici sono in possesso di uno dei seguenti requisiti tecnico-professionali (art. 4 DM 37/08):

  • Diploma di laurea in materia tecnica

  • Diploma di tecnico superiore (area 1 – efficienza energetica)

  • Diploma di scuola secondaria specialistica e due anni di esperienza in un’impresa del settore

  • Tre anni di esperienza come operaio specializzato in un’impresa del settore


Possono altresì ottenere la qualifica tutti quei soggetti in possesso di un titolo o attestato di formazione professionale e quattro anni di esperienza nel settore che abbiano fatto richiesta di abilitazione dopo il 4 agosto 2013, ma solo dopo aver frequentato un corso di formazione di 80 ore presso enti di formazione riconosciuti dalla Regione o Provincia autonoma, anche in modalità online.

Tutti i Tecnici qualificati FER hanno infine l’obbligo di seguire un Corso di Aggiornamento di 16 ore ogni tre anni, pena la sospensione dell’autorizzazione.

Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
pitagora@studiopitagora.net